18enne ucciso: sesto uomo 3 ore dal Gip

Ha risposto alle domande del Gip per tre ore Nicola Caboni, il sesto giovane finito in manette nell'ambito delle indagini sull'omicidio di Manuel Careddu, il 18enne ucciso e seppellito in un terreno in provincia di Oristano. Caboni, 19 anni di Ghilarza (Oristano), è finito in cella con l'accusa di soppressione di cadavere, per aver partecipato a nascondere il corpo di Manuel. La Gip Annie Cecile Pinello e il pm Andrea Chelo sono entrati nel carcere di Massama alle 16, seguiti dagli avvocati del giovane, Irene Gana e Marcello Sequi. Il 19enne ha risposto alle varie domande, cercando, con buona probabilità di chiarire la sua posizione e spiegare il suo ruolo nel branco. "Non diciamo nulla sul contenuto delle dichiarazioni - ha detto all'ANSA l'avvocata Irene Gana - il Gip si è riservato di decidere. Noi abbiamo chiesto che il nostro assistito venga rimesso in libertà, a nostro avviso non ci sono le esigenze delle custodia in carcere". (ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Pauli Arbarei

    FARMACIE DI TURNO

      Nel frattempo, in altre città d'Italia...